Il commercio dei prodotti di qualsiasi tipo, da quelli artigianali a quelli industriali, è cambiato profondamente nel corso di questi ultimi anni. Se infatti in passato era indispensabile farsi conoscere a livello locale, con l’avvento dei mass media e, successivamente, con l’arrivo di internet tutto è diventato globalizzato. Oggi un’attività non deve più temere solamente l’azienda che le fa concorrenza dall’altra parte della strada, ma anche la concorrente che si trova al lato opposto dell’Italia, oppure all’estero.

Una battaglia difficile, specialmente quando si lotta con aziende molto più grandi della nostra, che però si può volgere a nostro favore grazie ad un’arma: quella della qualità.

Fare ottimi prodotti è essenziale per rimanere in un mercato difficile, e ancora di più lo è pubblicizzarli in modo idoneo da far percepire a chi guarda i nostri prodotti, anche se da lontano, tutta la loro qualità. E non stiamo parlando di un sito web, anche se comunque è essenziale in questi casi, ma di qualcosa che per le altre persone sia possibile toccare con mano, e consultare anche in futuro in base alle necessità del momento.

Creare album fotografici dei nostri prodotti è uno dei modi migliori in assoluto per poterli pubblicizzare. Infatti non è difficile capire come, per un potenziale cliente, visitare un sito web o avere un portfolio aziendale da vedere, da sfogliare ed eventualmente da mostrare ad altri è una differenza abissale. Ce ne rendiamo conto tutti: per visitare un sito ci vogliono pochi secondi, poi si chiude e nella migliore delle ipotesi ce ne dimentichiamo subito.

Il libro fotografico, invece, si tiene in un ufficio, si può sfogliare, si possono guardare con calma i prodotti che mette a disposizione senza alcuna distrazione.

Per chi lo crea, un fotolibro è semplice da fare e permette di mettere in risalto alcuni prodotti rispetto ad altri, oppure di disporli in modo da creare una sequenza logica, o ancora di utilizzare un formato che valorizzi al massimo ciò che abbiamo intenzione di vendere (se siamo una falegnameria e creiamo del mobilio, o se siamo dei pittori e dipingiamo delle tele le cose saranno chiaramente differenti).

Il fotolibro può essere consegnato a mano o spedito, ma va ad essere un oggetto di valore in un momento in cui tutto si sta spostando verso il digitale.

E di esempi del genere ne abbiamo tantissimi, con aziende come Ikea che spendono moltissimo nel proporre in cartaceo i propri cataloghi. Poi, ovviamente, Ikea punta sull’economicità e sulla scelta, mentre un’azienda più piccola punterà sulla qualità, ed è facile capire come un catalogo su fondo bianco sia peggiore rispetto ad un fotolibro ben stampato e ben realizzato.

Le possibilità aziendali dal punto di vista pubblicitario, quindi, certo non mancano e il fotolibro le valorizza al massimo: se foste interessati a creare album fotografici il servizio Fotolibro-cewe.it mette a disposizione una grandissima personalizzazione per i nostri fotolibri, e ci permette di crearli comodamente online, partendo da foto digitali e aspettando che vengano consegnati direttamente in azienda; visto che la pubblicità è importante, il fotolibro Cewe è il modo migliore per presentare ad altri i nostri prodotti, per una forma pubblicitaria da prendere assolutamente in considerazione.