La crisi economica che il mercato immobiliare ha vissuto negli ultimi anni aveva portato ad una forte diminuzione dei prezzi dei beni immobili. La tipologia di bene più richiesta in piena crisi era senza alcun dubbio il trilocale, un’abitazione che finalmente era diventata accessibile ai più, che inoltre è senza dubbio da considerarsi come la più pratica, in quanto ideale anche per le coppie con figli. Oggi la situazione sta cambiando. Il settore immobiliare è infatti in ripresa un po’ in tutta Italia, con picchi particolarmente evidenti nelle regioni del Nord Est e del Centro. Questa ripresa ha comportato un aumento dei prezzi dei beni immobili. Sono prezzi ormai stabili dall’anno scorso che dovrebbero inoltre mantenersi tali anche fino alla fine del 2019, ma si tratta comunque di prezzi elevati per una famiglia media italiana.

Ma gli italiani non hanno un rinnovato potere di acquisto? Sì, è vero, gli italiani hanno un potere d’acquisto maggiore rispetto agli anni di piena crisi economica e una buona stabilità, ma ancora non hanno a disposizione così tanti soldi da poter investire nell’acquisto di una casa. Possono richiedere un mutuo, ma è necessario offrire sempre delle garanzie eccellenti per poter accedere ad un qualsiasi tipo di finanziamento e soprattutto cercare di dare alla banca un anticipo importante per evitare che la rata mensile sia eccessiva rispetto ai reali ingressi economici. Una situazione insomma non proprio rosea per gli acquirenti.

Ecco perché sono sempre più numerosi gli acquirenti che non vanno alla ricerca di un trilocale, bensì di case di più piccolo taglio. Il 40% circa degli acquirenti continua a scegliere un trilocale, ma il 60% si sta indirizzando infatti verso bilocali oppure monolocali, magari da ristrutturare così da spendere inizialmente meno soldi e da poter intraprendere i lavori con calma, in modo autonomo, cercando di risparmiare quanto più possibile. Il problema è che monolocali e bilocali non sono disponibili in grandi quantità. Sono anzi le tipologie di case che scarseggiano nella maggior parte delle città italiane.

A quanto pare, altro dato che è sicuramente importante sottolineare, gli italiani non vanno alla ricerca di bilocali e monolocali solo come prima casa, ma anche come investimento. Questo accade soprattutto nelle località turistiche più rinomate del nostro Bel Paese, dove avere a disposizione infatti una casa di piccola metratura può voler dire ottenere un ingresso economico annuale molto interessante grazie ai turisti, mettendo quindi in locazione quella casa anche per brevi periodi di tempo. In questo modo gli italiani sanno di potersi mettere da parte tutti i soldi necessari per acquistare una casa più grande in futuro per la loro famiglia, un investimento sicuramente intelligente che però ha bisogno di ricerche accurate e di molta pazienza.

Le considerazioni che abbiamo avuto modo di fare non valgono però per una specifica fetta del mercato immobiliare, per i beni immobili cioè di lusso. I beni immobili più prestigiosi infatti non hanno mai visto alcuna crisi, perché c’è sempre una parte della popolazione che ha una disponibilità economica particolarmente elevata. Sono beni immobili che vengono richiesti soprattutto a Roma e Milano, sia nel pieno centro storico che nelle zone emergenti che si stanno sviluppando proprio in questo periodo, e che possono arrivare a costare anche oltre gli 8000 euro al metro quadro.